Ieri c’è stata l’assemblea interessante che ha fatto seguito all’appello di Don Santoro e della comunità de “Le Piagge” di Firenze. Vedi qui il testo della Lettera.

Alla serata Don Santoro, proponeva di iniziare a costruire un percorso tra cittadini e tra religioni e non religiosi, tra uomini semplicemente, che vogliono scegliere la convivenza come elemento essenziale su cui progettare il futuro della città e del paese.

Condotto dalla paura, l’egoismo viene innalzato a prassi politica: le azioni politiche dovrebbero cercare il bene comune, per uscire insieme dalle difficoltà, invece inseguono solo il bene privato ed individuale, “insieme” non esiste! E in nome dell’individuo, solo e chiuso in se stesso, ogni giudizio diventa equidistante, si annega nel qualunquismo, appagati e rabboniti in una sonnolenza politica, religiosa e sociale, che toglie la voglia e il coraggio di pensare.

Chiedere a chi governa di esserne partecipe e consapevole.

L’invito era stato mandato a tutte le parrocchie fiorentine, che se non sbaglio sono circa 400 !!
Hanno risposto solo in 3, e non tutte positivamente.

Come si può pensare che ci sia lo spazio di aprire un dialogo sulla convivenza, sui diritti civili, se non abbiamo desiderio di dialogo tra di noi?

Ci sarà un prossimo incontro il 7 luglio, sempre al circolo Il Pozzo a Le Piagge, via Lombardia 1.
La data ipotetica è per il 22 luglio per un primo evento, e una vera marcia a Firenze a settembre, con partenza da Le Piagge fino al centro storico.

Per aggiornamenti sarà utilizzato il blog:
culturaaltra.blogspot.com/

Tj

Annunci