Siamo in pieno caos mediatico per la contrapposizione dell’operato della magistratura e l’opposizione di poteri politici-imprenditoriali che non vogliono cedere a nessun costo neanche un millimetro di spazio sul tavolo di comando.

Vi scrivo non tanto per entrare in merito alla questione se Spatuzza o i Graviano siano pentiti affidabili o meno.

Vi scrivo perchè per l’ennesima volta in questo paese la libertà di stampa e di informazione, la sua credibilità, vengono minate dal suo interno.

Leggo stamani un articolo sul IlTempo, con questo titolo:  Graviano, confronto da ridere.
L’articolo è tendenzioso, come  si capisce già dalle prime righe. Tutto un ripetere e ribadire aspetti discutibili quali il fatto di affermare il regime del 41bis un regime (semi)duro. Affiora forte ed immediato l’esigenza di chi ha scritto, di voler far intendere che la credibilità di un pentito non sussiste perchè non ha mai di fatto subito il vero 41bis. Addirittura si afferma che il 41bis non viene applicato.

“Quando ho sentito dalla viva voce di Gaspare Spatuzza, nell’aula della Corte d’Appello di Torino che tuttavia e almeno in certe occasioni il regime del 41bis viene (dis)applicato con grande spirito di tolleranza e senso di umanità, (molto all’italiana diciamo), non ho potuto che rallegrarmene e gioirne, io per lui e per i suoi amici Graviano.”

Non può un giornalista fare di tutta un erba un fascio, ma è pur vero che ci possono essere stati dei ocmportamenti di chio doveva controllare, discutibili e allora sarebbe il caso di citare e puntare il dito su costoro, invece di cercare di centrare il discorso sul tentativo di screditamento del pentito.

Ma solo quando ho letto questo pezzo ed altri dopo nell’articolo mi sono inalberato.

[…] Una commedia perfetta. Non si capisce cosa c’è di tanto strano e straordinario da stupire i professionisti dell’antimafia fino al punto da gridare «Eureka, Eureka» e da promettere, attraverso i soliti cronisti creduloni e/o compiacenti chi sa quali incredibili e dirompenti sorprese. Si stupiscono proprio loro che non si sono stupiti quando un allegrone, molto più allegro e fantasioso di Spatuzza e dei Graviano, gli ha raccontato che Giulio Andreotti era sceso a Palermo per baciare Totò Riina e gli hanno creduto fino al punto di fondarci sopra «il processo del Secolo».[…]

Allora mi sono chiesto: ma da che pulpito viene questa predica?

La firma dell’articolo è di Lino Jannuzzi.

Ho cercato subito sul web e cosa ti trovo?

Campagne giornalistiche contro i giudici di Palermo
È autore del libro Il processo del secolo. Come e perché è stato assolto Andreotti, in cui sostiene che sia stata sancita l’innocenza di
Giulio Andreotti nel processo che lo ha visto imputato per mafia, finito con la prescrizione del reato accertato fino al 1980, e l’assoluzione per i fatti contestatigli successivamente a tale data.

È risultato oggetto di discussione nelle intercettazioni della Procura di Palermo, nei primi mesi del 2001. Il giornalista Marco Travaglio in un suo libro scrive che il boss Giuseppe Guttadauro, parlando nella propria abitazione con l’amico mafioso Salvatore Aragona, stava organizzando una campagna stampa a favore dei colleghi detenuti; quest’ultimo gli avrebbe segnalato Giuliano Ferrara e lo stesso Lino Jannuzzi che «Ha scritto un libro contro Caselli e un libro pure su Andreotti ed in è in intimissimi rapporti con Dell’Utri», al che Guttaduaro avrebbe risposto «Jannuzzi buono è!». (fonte Wikipedia)

Quindi mi devo subire un articolo di un giornalista discusso e discutibile che è di parte e non può certo dirsi imparziale e coerente col dovere del diritto di cronaca.

E una persona di questo genere dovrebbe avere un pulpito nell’informazione italiana dal cui screditare dei pentiti che stanno riportando fatti importanti sul primo ministro Berlusconi?

Dal 2001 al 2008 è stato nuovamente eletto senatore, per due volte nelle file di Forza Italia: la leadership di questo partito gli offrì il seggio come “scudo” nei confronti delle iniziative giudiziarie (azioni civili e procedimenti penali) originate dalle sue campagne giornalistiche.

Azioni giudiziarie?

Certo amici miei cari, questo signore è stato accusato e condannato per diffamazione a mezzo di stampa, nella veste di giornalista e dopo la condanna ancora scrive e pubblica certi articoli.

Lo hanno salvato, uomini di Forza Italia, di Berlusconi e Dell’Utri, ma anche uomini del Centro Sinistra, come Ciampi.

Di conseguenza, fallito anche il ricorso alla sua immunità come componente della delegazione parlamentare italiana al Consiglio d’Europa, è stato necessario che il Capo dello Stato gli accordasse la grazia per evitare che il superamento del limite di tre anni – nel cumulo delle condanne penali – lo portasse alla detenzione in carcere.

Nella fattispecie, Lino Jannuzzi era stato condannato in via definitiva a due anni cinque mesi e dieci giorni di reclusione per diffamazione a mezzo stampa per degli articoli pubblicati su Il Giornale di Napoli negli anni ottanta e novanta.

Di fronte alla prospettiva che un Senatore della Repubblica venisse recluso per un reato di opinione, l’11 febbraio 2006 il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi firmò un provvedimento di grazia a favore di Jannuzzi.

Direi che non c’è da aggiungere altre parole.
Andrea Tj

Annunci