You are currently browsing the category archive for the ‘cultura 2.0’ category.

“AVVISO DI ASTA PUBBLICA: VENDIAMO IL TEATRO COMUNALE DI FIRENZE

E’ proprio vero, i fiorentini son proprio tutti bischeri !!

Zitto zitto, quatto quatto, domani e dopodomani si vedrà realizzare un progetto importante per la città, che vedrà la perdita di un altro pezzo storico della cultura, quella che fu, quella che è morta.

Proprio perchè morta la cultura, morta è  questa città.

Con grandi paranoie e grandi paginoni sui giornali si informa sempre di tutto e di più, ma mai di quelle importanti, quelle che riguardano i cittadini, su di cui dovrebbero e avrebbero diritto in base alla Legge regionale sulla partecipazione esprimersi. Lo sanno  sempre a cose fatte.

Così anche per questo ulteriore sfregio alla storia fiorentina, i nostri politici domani daranno il via all’asta dell’edificio del Teatro Comunale, dove suonò la Callas per citare solo una grande voce. Eppure c’è anche l’autorizzazione della soprintendenza !!

Che serva rinnovare ed ampliare gli spazi in città siamo tutti d’acordo, ma che per fare il nuovo teatro dietro la Leopolda, voluto e sostenuto dall’allora Ministro Rutelli, si debba vendere e chiudere per sempre questo spazio, sinceramente lo trovo assurdo.

100 milioni circa di investimento per la nuova opera, l’auditorium di Firenze.

44 milioni la vendita prevista del vecchio teatro comunale del Maggio Musicale Fiorentino.

Guardacaso il Comune di Firenze, proprietario del vecchio teatro dovrà investire 42 milioni di euro e la stima dell’asta è di 44 milioni di euro….

In una città dove si stanno spendendo alcuni miliardi di euro per Tav Tramvie, sotto e soprapassi, tuboni, terze e “sinistre” corsie, non si riesce a spendere 44 milioni di euro senza vendere un gioiello.

Ed i fiorentini bischeri se lo fanno fare sotto il naso, senza poter decidere se magari pagare tutti un eurino di tasca loro in più, pur di mantenerlo ancora pubblico.

Un operazione discutibile, di cui se chiedete ai fiorentini per strada non ne sanno niente, se gli chiedi che stanno costruendo il nuovo teatro ti chiedono: “in dohe?

Nessuno sa niente, ma i piani sono ben decisi e tutti gli organi istituzionali fanno il loro compito.

Ma se non erro il progetto è stato voluto e sostenuto dall’allora Assessore all’urbanistica Biagi, oggi indagato e dimesso, che fece trapelare sui giornali che la vecchia sede era buona per appartamenti di lusso.

Ecco che la musica orchestrale finalmente diventa veramente musica da camera !! Anzi da camere e che camere, … di lusso !!

Andrea Tj

Venite e discutiamone sul forum: www.meetup.com/grillifirenze

Link utili:

avviso di asta e condizioni

http://files.meetup.com/206824/avviso%20di%20asta%20e%20condizioni%20generali-1.pdf

Allegati nota tecnica – Autorizzazione alla alienazione

Leggi il seguito di questo post »

Rispondo all’articolo di Piero Sorrentino “Quanto costano quelle fotografie di Stefano Cucchi“.

Guarda caso oggi su Repubblica pubblicano le foto segnaletiche che dimostrano che Cucchi è arrivato in carcere già torturato ( sì questo è il termine giusto).
Perchè non le hanno fatte vedere prima? O meglio, perchè nessuno ne ha parlato prima per levare ogni dubbio?
Perchè in questo paese siamo omertosi, mafiosi dentro l’anima, e ogni pezzo di questo paese familista, risponde non ai valori ed all’etica democratica costituzionale, ma bensì a quello del suo protettore.

Sono servite le segnalazioni del blog di Beppe Grillo, e le foto della famiglia per avere risposta a diritti che in tanti hanno calpestato, carabinieri, dottori, carcerieri, magistrati e dipendenti del tribunale e quanti altri.

Quanti hanno seguito le ultime ore di Stefano Cucchi, hanno visto le condizioni in cui era stato rovinato il ragazzo, perchè non denunciarlo? Perchè non denunciarlo almeno dopo l’accaduto?

Allora ben venga la rete e le foto sulla rete, che possano scardinare questo sistema vecchio e incancrenito.

La rete porterà la rivoluzione e farà scomparire questo sistema che sta morendo.

 

Andrea Tj

 


Il 13 luglio ricevevo una mail con questo oggetto:

“Comunicazione Importante di Zopa Italia s.p.a.”

Caro xxxx,

in data 10 luglio 2009 è stato notificato a Zopa il decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze che, su indicazione di Banca d’Italia, ha cancellato dall’elenco degli intermediari finanziari ex art. 106 la nostra società. Come conseguenza immediata ci vediamo costretti a sospendere la trattazione di nuovi prestiti e l’ingresso di nuovi Prestatori. La società sta valutando tutte le iniziative, anche di natura giurisdizionale, per tutelare la propria posizione e la community.

A tutela tua e di tutti i Prestatori, rimane pienamente attiva la gestione dei prestiti in essere, sia per l’incasso delle rate sia per il recupero credito. Il denaro in prestito diventerà gradualmente disponibile al rientro delle rate mensili.

Puoi già ora accedere a MyZopa per controllare il tuo portafoglio e ritirare il denaro non in prestito. Abbiamo disattivato tutte le offerte e annullato i prestiti in assegnazione rendendo disponibili i fondi.

Tutti i tradizionali canali di Zopa restano aperti per assisterti. Puoi trovare maggiori informazioni in Cosa succede ora?, nelle FAQ specifiche e nel blog.

Ti terremo informato su tutte le attività che metteremo in atto per salvaguardare un’iniziativa innovativa, etica, sociale e vantaggiosa per tutti i partecipanti.

Maurizio Sella Amministratore Delegato Zopa Italia S.p.A.

____

Come sempre nel nostro paese un esempio di sviluppo moderno attraverso la rete, viene subito chiuso. Siamo in una democrazia dei cittadini o delle banche?!

Ecco chi era Zopa: clicca per il video.

 

IL “GRAN CONSIGLIO”DEGLI ARCHITETTI
DEL LUGLIO 2009
Elezioni del CONSIGLIO DEGLI ARCHITETTI di Firenze del 13 luglio 2009
Sì finalmente sta cambiando lentamente da più parti questo sistema decrepito della rendita da posizione dei soliti noti.
Come dico da più volte, questi ultimi mesi stanno segnando un accelerazione di eventi, la rete, la gente, le iniziative.
Pochi giorni fà assistevo alle telefonate di un amico che discuteva dell’organizzazione degli ultimi preparativi per l’elezione del Consiglio Degli Architetti. Ricordo il desiderio e la passione che trasmetteva, ma anche la consapevolezza e l’utopia di riuscire a ottenere qualcosa di vittorioso.
Invece il loro coraggio è stato premiato.
Proporsi con idee chiare, eticamente coerenti, ha dato fiducia a tanti architetti, tant’è che il risultato è stato storico: vincere tutti i consiglieri del suddetto Consiglio degli Architetti di Firenze.
Ebbene sì, nessun consigliere alla vecchia nomenclatura degli architetti fiorentini.
Sembra incredibile ma è successo.
14 consiglieri su 14 !!!
Ecco il link al blog del progetto: http://firmiamolalettera.blogspot.com/
Altri link interessanti: ItaliaNostra

Oggi vi voglio scrivere di un personaggio che ho conosciuto, un fratello che ho conosciuto in Terra Futura, la kermess di buone pratiche che si è tenuta a Firenze, lo scorso fine settimana, 29-30-31 maggio 2009.

Ho intervistato Olivier, e potete vedere la sua intervista sul blog VideoDocg a questo link.

Girando per gli stand, nel cortile davanti ai padiglioni, mi sono imbattuto in una scena di teatro che andava in azione tra i passanti incuriositi, senza scenografia, senza paramenti e costruzioni visive, i personaggi tramite la mimica e il linguaggio ricostruivano anche le scenografie.

Mi ha colpito perchè mi ricordava il teatro itinerante, fatto tra gli spettatori, con infiltrazioni nel pubblico da parte dei protagonisti. La cosa che però qui, mi ha colpito di più, è che i protagonisti non sono attori che si preparano per mesi e studiano un testo preparato in anticipo, ma volontari e cittadini che un pò sullo stile del teatro di improvvisazione, mettono in atto una scena con una trama sociale, educativa e che cerca di coinvolgere gli ispettatori nella scena successiva.

Mi ha colpito perchè è un modo di fare teatro interattivo, divertente, creativo e fa riflettere su alcuni temi sociali, con contaminazioni che poi vengono dal pubblico, i risultati potrebbero essere curiosi ed inaspettati.

Pensare ad esempio Olivier che con 3-4 “artisti” decide una trama di una scena, che abbia un risvolto sociale legato allo sviluppo sostenibile, impostata da una sua idea e da un suo punto di vista, interpretata nella maniera del teatro d’improvvisazione da parte del punto di vista degli attori e ripetuta in un secondo atto con l’apporto del pubblico e del loro relativo punto di vista. Un sistema iterativo che potrebbe dopo alcuni giri di ripetizioni e contaminazioni, dare davvero risultati sorprendenti.

Vi metto qui il video sia dell’intervista ad Olivier che una scena andata in atto a Terra Futura 2009.

Per informazioni www.parteciparte.com 

Blog Stats

  • 98.349 hits
hit counters

hit counters

free blogger

Esprimente le vostre opinioni personali lasciando un commento al post che v'interessa...non vi preoccupate se dovete lasciare l'email ,rimane completamente anonima!

Passaparola

passaparola

Post più letti

a

V2-Day

"Meglio avere la propria mente occupata a comporre la soap opera della propria vita che sonnecchiare di fronte a quella di qualcun altro". Steven Johnson

orologio