You are currently browsing the monthly archive for gennaio 2008.

Lunedì 21 gennaio 2008
Consiglio Comunale di Firenze

Operazione Fiato sul Collo
AndreaTj intervista Tommaso Fattori

A Tommaso Fattori, rappresentante del movimento acqua bene comune, ho chiesto di parlare della privatizzazione degli acquedotti di Firenze.

La nostra città ha adottato provvedimenti in questi anni totalmente neoliberisti, ma mascherati dalla giunta di “sinistra” basta vedere il discorso dell’acqua.
Noi vogliamo l’acqua 100% pubblica.

Ed è inutile che ci dicano che servono i capitali per investire nelle infrastrutture.
In decenni i cittadini avevano sempre investito con le tasse in un acquedotto, quello fiorentino, che era diventato il fiore all’occhiello della toscana e ci veniva invidiato da tutta Europa da cui venivano a studiarne i modelli.
Perché privatizzare? Per avere i capitali di ACEA e SUEZ la quale ha preteso il 7% di interessi garantiti annuali, a queste condizioni anche i cittadini di Firenze avrebbero potuto investire sul loro acquedotto!!
La nostra proposta è una società cooperativa pubblica: una forma nuova dove ogni cittadino può investire un minimo ed un massimo e contribuire tutti alle scelte della gestione.

AndreaTj

Link della notizia:

www.acquabenecomune.org

www.beppegrillo.meetup.com/12

Questo è il manifesto che è comparso pochi giorni fà.

Mistificazione da Wikipedia

La mistificazione consiste nel “distorcere intenzionalmente la realtà”, col fine di ingannare qualcuno. È molto usata nella propaganda e nella teoria dei giochi (per ingannare gli avversari).

Alcune delle tecniche della mistificazione sono la mimetizzazione, il travestimento (detto incognito in alcuni casi), la distrazione e l’imitazione.
Nell’ambito dei mass media un caso tipico di utilizzo della tecnica di distrazione si ha quando viene dato grande spazio ad una notizia poco importante, ma che magari è d’impatto verso il pubblico, per evitare di parlare di altre notizie considerate “scomode”.

E’ comparso in questi giorni un manifesto ai muri della città, in maniera discutibile per i modi con cui abusivamente si tappezza ogni superficie senza rispetto per il decoro, ma sopratutto che ci lascia sconcertati per il contenuto e la sincronia dei tempi.

Oggi è il giorno del ricordo dell’Olocausto.

Quello che credo ci lasci con tanti dubbi è proprio il tentativo di mistificazione e di cavalcare spazi che non sono propri ad un movimento, quello di destra, che cerca di occupare spazi deboli, malcontento, delusione, proprio come l’Onorevole Fini a suo tempo indicò ai dirigenti del suo partito.

di FABIO PERUGIA; GIANFRANCO Fini l’ha capito prima di tutti: bisogna intercettare il malessere degli italiani. Quello stato d’animo che la V-generation di Grillo ha portato alla luce. E bisogna farlo subito, prima che il timer della sopportazione del popolo raggiunga il punto zero. Il disagio ora non si può più sottovalutare, o rischia di esplodere. Il leader di Alleanza nazionale ieri ha riunito i suoi dirigenti territoriali. Un’ora scarsa per mettere in chiaro alcune cose. Tra queste, una deve diventare diktat in An: agire in anticipo. «Immagino che Beppe Grillo non abbia fatto tutto da solo – spiega ai suoi Fini – ma quanto successo deve insegnarci che, seppur non dobbiamo sopravvalutare quanto avvenuto, c’è un malessere profondo e diffuso nel Paese. Noi possiamo e dobbiamo intercettarlo».

La mia analisi quindi è solo sociologica, più che politica.

 

E’ giusto in un momento di politica vuota, scollata con la base elettorale dei cittadini, dare risposte mirate a riconquistare la simpatia a colpi di slogan? Può un popolo non capire, non conoscere, non identificare la mistificazione e credere che questo sia un qualcosa di nuovo?

Basta uno slogan per rendere i cittadini nuovamente schiavi e sudditi di una coalizione di partito, qualsiasi sia il suo colore?

tj

Prendendo spunto dall’articolo di Repubblica.
<oggi che sono passati 16 anni dalle prime vere lotte contro questo spreco di soldi pubblici, i nostri governatori dicono che non poteva essere previsto, che gli dispiace e che l’ente della regione Toscana, quasi fosse la loro azienda a sovranità oligarchica da loro posseduta pagherà metà dei danni, senza ricordarsi che si era costituita parte civile.>

Noi sudditi pagheremo tali danni, ringraziando dell’illuminata monarchia ricevuta.

Ma stiamo scherzando?

Io mi ricordo bene come molti personaggi , uno su tutti Girolamo Dell’Olio di Idra come informava capillarmente di tutti gli studi e le ricerche fatte da vari scienziati sui rischi.
Tutti sapevano.

Oggi nei giorni in cui si ricorda la Shoàh dove tutti fino all’ultimo dicevano di non sapere, dobbiamo sopportare nuovamente le scuse misere dei nostri oligarchi che dicono “non sapevamo” e accettare pagando di vivere in un territorio depredato!
Intanto Chiti diceva altre cose nel lontano ottobre 2006.

<…Chiti non si pente: «Sono orgoglioso della Tav»Sta costando troppo? Pagherà chi ha sbagliato. …>

Io mi pento, mi pento di non aver fatto di più per fermarli.

Tj

—————-

Articolo di Repubblica:

REPUBBLICA FIRENZE 25/1/08


Cavet, la Regione paga metà danni

Martini spiega in aula perché nel 2002 la parte pubblica decise di finanziare 53 milioni per risanare le conseguenze dei cantieri


Processo alta velocità: “Parte dei problemi non fu prevista, contribuiamo”
“Sui materiali di risulta, scavi e gestione degli imprevisti si poteva fare meglio”

Chiti: “Per garantire la sicurezza istituimmo l´Osservatorio a carico del consorzio”

FRANCA SELVATICI

«La modernizzazione delle ferrovie è essenziale per l´Italia. L´alta velocità è una grande opera di rilevanza nazionale a cui le Regioni non potevano opporsi. Ma è anche un´opera complessa, che taglia la montagna. Ci rendevamo conto che avrebbe potuto avere un impatto sulle falde idriche. Pensammo allora a uno strumento nuovo, l´Osservatorio nazionale con la partecipazione delle regioni. L´obiettivo: conseguire il minimo di impatto ambientale e il massimo di sicurezza». Così il ministro Vannino Chiti, già presidente della Regione Toscana dal ´92 al 2000, ha ricostruito la posizione della giunta regionale di fronte al progetto della Tav, con i suoi 77 km in galleria. Chiti è stato ascoltato ieri al processo in cui 59 persone, fra cui alcuni dirigenti del Consorzio Cavet che sta realizzando l´opera, sono accusate a vario titolo di truffa, violazioni nello smaltimento dei rifiuti, danni ambientali, dei quali il più rilevante è il disseccamento di sorgenti, pozzi e corsi d´acqua di cui il Mugello era ricchissimo.
«Ci rendevamo conto che vi sarebbe stata una quota di problemi valutabili soltanto in corso d´opera, e per questo fu istituito l´Osservatorio, a carico del Cavet e non della collettività», ha detto Chiti: «Con le comunità del Mugello vi furono discussioni sui grandi lavori: la variante di valico, la diga di Bilancino, l´alta velocità. Le opposizioni ci chiedevano di abbandonare Bilancino, prevedevano il disfacimento del Mugello, ma non è accaduto».
«Che la realizzazione dell´alta velocità sarebbe stata complessa era consapevolezza di tutti», ha concordato Claudio Martini, attuale presidente della Toscana: «Io credo che alla fine ci renderemo conto che non è stato fatto un cattivo lavoro. Però alcuni impatti si sarebbero potuti prevedere e comunicare prima alla popolazione e affrontare più rapidamente. Su alcune partite specifiche – lo scarico dei materiali di risulta, le modalità degli scavi e la gestione degli imprevisti – secondo me si poteva far meglio». La Regione ha un contenzioso con Cavet sull´enorme quantità dei materiali estratti dalle gallerie. Per Cavet sono materie seconde, riutilizzabili. Per la Regione sono rifiuti. Il presidente non ricorda che sia stato presentato un piano organico di riutilizzo. Ma perché – gli è stato chiesto – nel 2002 la parte pubblica ha deciso con l´Addendum di finanziare con 53 milioni di euro le opere di mitigazione e di ripristino ambientale (acquedotti, fogne, bacini artificiali), visto che i danni erano l´effetto dei lavori? Perché parte dei problemi non erano stati previsti, ha risposto Martini. E dopo il 2002 si è visto che i lavori di ripristino sarebbero stati più imponenti. Si è giunti così a un Masterplan che prevede un impegno finanziario di 100 milioni di euro.
Con Martini polemizza il capogruppo Udc in Regione Marco Carrarresi, secondo il quale all´inizio non vi fu la minima consapevolezza dell´impatto ambientale: quanto all´Addendum, firmato dal Governo Berlusconi, è quasi del tutto inattuato e il Governo Prodi non ha ancora erogato 15 milioni dei 53 stabiliti. Per parte sua, il Comitato contro il sottoattraversamento dell´alta velocità a Firenze trema all´idea che anche nel capoluogo si proceda «con la stessa superficialità».

http://www.pinomasciari.org/

Firenze, Via Bolognese. Ore 20:00 circa

Un auto che viaggiava in direzione piazza della Libertà nell’ultimo tratto, urta un’auto, si ribalta e finisce su un auto che viaggiava in direzione opposta.

Ferito il conducente dell’auto ribaltata, illeso anche se sotto shoc il conduttore dell’auto colpita.

Andreatj in diretta sul posto!

bolognese210108_31.jpg

bolognese210108_2.jpg

bolognese210108_11.jpg

bolognese210108_4.jpg

Blog Stats

  • 94,125 hits
hit counters

hit counters

free blogger

Esprimente le vostre opinioni personali lasciando un commento al post che v'interessa...non vi preoccupate se dovete lasciare l'email ,rimane completamente anonima!

Passaparola

passaparola

a

V2-Day

"Meglio avere la propria mente occupata a comporre la soap opera della propria vita che sonnecchiare di fronte a quella di qualcun altro". Steven Johnson

orologio